FOCACCINE DOLCI AL LATTE DI SOIA E FRUTTI DI BOSCO

By martedì, aprile 26, 2016 , , , ,


'Ngiorno... è permesso?
Ma tu guarda che confusione, pure le ragnatele ci sono.
Eppure è risaputo che sono un cagnolino pauroso e i ragni mi fanno paura. Tanta. Tantissima.
Come le lucertole.
E le mosche.
E le porte che sbattono.
E le voci troppo alte.
I temporali.
Il vento.
Il cuscino dl divano.
Il tappetino del bagno.
La vicina di casa.
Le lenzuola stese dalla suddetta vicina di casa.
Le lucine del decoder di Sky.

Ok, (quasi) tutto mi fa paura.
Sono un tipo prudente io.
E' che qui sono giorni e giorni che non scrive nessuno.
"Quellachecucina" è un po' in crisi.
Troppe cose da fare (dice lei).
Troppa aria fritta nel cervello (dico io).
Intendiamoci, è sempre "Quellachecucina" e anche "Quellachefotografa" ma da un po' si è dimenticata di essere anche "Quellachescrive".
Dice di essere in crisi con le parole.
Vaneggia di parole sprecate e parole inutili.
Troppe parole, poche parole.
Quella donna lì mi farà ammattire.
Dovrebbe imparare dalla semplicità di noi cani che abbaiamo sempre quello che pensiamo, senza troppi problemi.
Invece lei è un groviglio di complicazioni, un tripudio di domande, un universo di problemi.
Ed eccola lì che mescola/impasta/cuoce/inforna/sforna come se non ci fosse un domani.
Eccola che fotografa saltellando dalla cima del tavolo alla sedia, totalmente e felicemente inconsapevole di rischiare l'osso del collo ad ogni balzo che sfida la legge di gravità, mettendo in posa focacce e tagliolini nemmeno fossero modelle di alta moda.
Salvo poi sedersi al computer e iniziare lunghi monologhi sull'inutilità di quello che sta facendo, sul non avere NIENTE da dire.
NIENTE da dire?
Ma benedetta donna, se non taci mai un solo istante da quando apri gli occhi al mattino fino a tarda sera! Come accidenti fai a non avere NIENTE da dire?
E se pensi che tutto questo sia inutile perchè mai scatti foto in posizioni pericolosissime mettendo in pericolo le tue ossa e la mia sanità mentale?
Che poi mi chiedi perchè mi agito tanto... per forza! Sono l'unico prudente io qui dentro!
Gli altri stanno tutti fuori come un poggiolo come si dice qui a Verona, a cominciare da quella vergogna della caninità che è la Nera, buona solo a combinare guai e a divorare qualsiasi cosa di commestibile (ma anche no) che venga a trovarsi a portata delle sue mascelle.
Un lavoro a tempo pieno il mio: vigilare su una banda di squilibrati e adesso improvvisarmi anche blogger.
Sto seriamente pensando di rivolgermi ad una di quelle associazioni animaliste con le volontarie cattivissime con gli altri umani. Sai che colpo se una di loro capitasse qui all'improvviso mentre "Quellachecucina" è in uno dei suoi momenti di delirio e la Nera gira per casa con il cestino della carta in testa masticando l'ultimo numero di Sale & Pepe? Uno spasso proprio.
Oppure mentre gli umani sono a tavola e ognuno parla (urla) di un argomento diverso, la Nera mastica una ciabatta e io abbaio per cercare di rimettere ordine in questo caos insopportabile.
Vabbè, però glielo direi alla volontaria che questi umani squilibrati ed io ci amiamo.
Glielo direi che "Quellachecucina" mi fa tante carezze e mi tiene sempre via un pezzetto di prosciutto.
E che posso dormire in tutti i letti che voglio e nessuno mi scaccia.
E che mi fanno sempre i grattini sulla pancia che mi piacciono tanto.
E che a volte (poche volte) ho quasi (ribadisco quasi) l'impressione di volere un po' (poco) di bene anche alla Nera.
.........................................................................................

Ok, scherzavo.
E' assolutamente impossibile che io possa volerle bene.
Impossibile.
Assolutamente.
Questo momento di smarrimento in cui ho pensato di voler bene alla Nera mi spaventa.
Ho bisogno di uno psicologo per cani.
Uno bravo.
Molto.
Vado subito ad abbaiarlo a "Quellachecucina".

Vostro
Giotto ♥

Disclaimer:
- per la scrittura di questo post non è stato maltrattato alcun animale (ragni, lucertole, mosche,  cagnolini ed enormi canE nere stanno benissimo)
- non sono state maltrattate nemmeno volontarie animaliste che (per la cronaca) godono della mia più sincera stima
- alla Nera viene impedita con ogni umano mezzo la masticazione di Sale & Pepe, ogni tanto però ingurgita qualche cruciverba de La Settimana Enigmistica
- se qualche frase, affermazione o uso della punteggiatura ha offeso qualcuno vorrei ricordare che tutto ciò è stato scritto da un cagnolino fifone e senza coda assolutamente non perseguibile dalla legge.
Saluti
Quellachecucina





INGREDIENTI
250 grammi di farina manitoba
250 grammi di farina 00
200 millilitri di latte di soia appena tiepido
100 millilitri di acqua a temperatura ambiente
3 cucchiai di olio di semi di girasole
2 cucchiai di zucchero (più uno per decorare)
1 bustina di lievito di birra secco
1 cucchiaino di sale
more
lamponi

In una ciotola mescolare le due farine con il sale, fare una fontana al centro e versarvi il lievito, due cucchiai di zucchero, l'olio e l'acqua.
Cominciare ad impastare versando a filo il latte di soia.
Lavorare l'impasto a lungo, prima nella ciotola e poi sulla spianatoia.
Il latte di soia conferisce all'impasto una morbidezza straordinaria.
Lavorare finchè l'impasto risulta liscio ed elastico.
Lasciarlo lievitare a temperatura ambiente in una ciotola coperta per un paio d'ore.
Riprenderlo, lavorarlo brevemente e stenderlo allo spessore di un centimetro.
Con un coppapasta ricavare delle focaccine rotonde e disporle su una teglia ricoperta di carta da forno.
Mettere su ogni focaccina delle more e dei lamponi, premendo leggermente per farli un po' affondare nell'impasto.
Lasciare lievitare ancora per circa quaranta minuti.
Accendere il forno a 190 gradi, cospargere le focaccine con lo zucchero avanzato e infornare per 15-20 minuti.







You Might Also Like

11 commenti

  1. È ufficiale..adoro Giotto..un bacino..e comunque anche qui al cottage..di quei casini ma casini..ti racconterò nel mio prossimo messaggio vocale..
    Un bacino
    Lisu

    RispondiElimina
  2. Quellachecucina mi fa sempre tanto ridere!!!!
    Una super coccola a Giotto e complimenti per la ricettuzza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Mila! Da parte di Giotto e di Quellachecucina ♥

      Elimina
  3. Ma io ve l'ho già detto che vi amo tutti?Giotto,la Nera,Quellachecucina e le focaccine?Noo? Mi sembra impossibile comunque lo faccio adesso!!Baci Alda.

    RispondiElimina
  4. Ma io ve l'ho già detto che vi amo tutti?Giotto,la Nera,Quellachecucina e le focaccine?Noo? Mi sembra impossibile comunque lo faccio adesso!!Baci Alda.

    RispondiElimina
  5. Che belle focaccine....e il post davvero simpatico.
    Ciao Katia

    RispondiElimina

Lasciami un commento!